• Andato in scena il
  • 13 Agosto 2019

    ore 21:15

Se devi dire una bugia dilla grossa

di Ray Cooney
versione italiana di Iaia Fiatri
con Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti, Paola Quattrini, Nini Salerno, Marco Cavallaro e Alessandro D’Ambrosi
con la partecipazione straordinaria di Paola Barale
regia originale Pietro Garinei

Cooney è autore ed attore inglese contemporaneo, maestro di intrecci efficaci, costruiti su accadimenti della vita quotidiana che talvolta assumono sviluppi paradossali. La commedia è ambientata in un albergo di lusso, dove il gioco delle porte ha facile presa, e dove l’incalzare della trama rende la vicenda ricca di divertimento e situazioni paradossali che stimolano la risata del pubblico. Cooney ha scritto questa farsa usando tutti i trucchi, i colpi di scena, le gag, gli effetti speciali, gli equivoci, i battibecchi, i rossori, gli spaventi, gli armadi, i letti e le vestaglie del teatro nato per far ridere pur specchiandosi nei vizi e nelle ipocrisie della società che ci circonda.

Riprendere uno spettacolo come “Se devi dire una bugia dilla grossa” , cavallo di battaglia della Ditta Dorelli, Quattrini, Guida, dopo 30 anni dalla prima rappresentazione del 1986, è come avere in mano una cambiale sicurissima, sia per il pubblico che per i teatri che lo ospitano.

La solida struttura comica che caratterizza la commedia, che lo stesso Cooney aveva rappresentato allo Shaftesbury Theatre, che ha poi fatto il giro del mondo e che lo stesso Garinei ha poi portato in scena con enorme successo, è per il nostro mercato un grande ritorno.

Dopo l’ultima edizione del 2000 con Jannuzzo, Quattrini, Testi, sempre per la regia di Garinei, per festeggiare i cento anni dalla nascita di un grande uomo di teatro come Pietro Garinei, viene riproposto un nuovo allestimento che sarà ispirato a quello originale firmato dalla ditta G&G con il famoso girevole che rappresenta di volta in volta la Hall dell’Albergo e le due camere da letto, dove si svolge la vicenda ormai nota del Ministro del Governo De Mitri, che vorrebbe intrattenere relazioni extra coniugali con un membro femminile del governo dell’opposizione.

La versione rinfrescata e attualizzata da Iaia Fiastri con un cast eccellente, vede protagonisti Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti e la partecipazione di Paola Quattrini che per la terza volta interpreterà il ruolo della moglie dell’onorevole Natalia.


Il protrarsi del periodo di chiusura dei teatri fino al 14 giugno c.a. e l’indecisione da parte delle compagnie di riprendere i tour spinge la Polis Cultura ad annullare gli spettacoli:

  • LA ROTTAMAZIONE DI UN ITALIANO PERBENE con CARLO BUCCIROSSO
  • A CHE SERVONO GLI UOMINI con NANCY BRILLI
  • TARTASSATI DALLE TASSE con BIAGIO IZZO

in programma presso il Teatro Francesco Cilea per la stagione 2020 de LE MASCHERE E I VOLTI, rinviati in ottemperanza ai vari DPCM emessi per contenere le misure per il contrasto e il contenimento del diffondersi del Coronavirus sull’intero territorio nazionale.

Ad abbonamenti e biglietti acquistati verrà applicato quanto dettato dall’art.88 del DL 17/03/2020 N. 18, convertito in L. 27/2020 e modificato dal DL n. 34 del 19/05/2020 e precisamente “i soggetti acquirenti presentano, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, o dalla diversa data della comunicazione dell’impossibilità sopravvenuta della prestazione, apposita istanza di rimborso al soggetto organizzatore dell’evento, allegando il relativo titolo di acquisto. L’organizzatore dell’evento provvede alla emissione di un voucher di pari importo al titolo di acquisto, da utilizzare entro 18 mesi dall’emissione. L’emissione dei voucher previsti dal presente comma assolve i correlativi obblighi di rimborso e non richiede alcuna forma di accettazione da parte del destinatario.

Le richieste di rimborso, tenuto in considerazione che i teatri fino alla data del 14 giugno c.a. dovranno rimanere chiusi, potranno essere inoltrate all’indirizzo mail info@catonateatro.it entro il 29 giugno c.a. e dovranno riportare il nome del possessore del titolo d’ingresso, un recapito telefonico, indirizzo mail e scansione leggibile del titolo d’accesso.

Inoltreremo, stesso mezzo, copia del voucher emesso e non appena avremo autorizzazione a poter riaprire i nostri uffici procederemo al ritiro dei titoli originali e alla consegna dei relativi voucher.